Ho sentito la necessità di ripartire dalle ricerche del
Futurismo italiano e del Costruttivismo russo,
dalla loro capacità di fare della ricerca e della costruzione
la volontà attiva di eleggere l'architettura al suo ruolo spaziale e sociale